Formula 2 – Formula 3


Motore: posteriore centrale; derivazione Fiat 1300; (dal 1965 inclinato di 30° verso sinistra); monoblocco in ghisa, testa in lega leggera

Cilindri: 4 in linea

Alesaggio e corsa: 68 x 68 mm

Cilindrata totale: 988 cc

Potenza massima: 96 CV a 8.500 giri/minuto

Lubrificazione: forzata a carter secco con pompe di mandata e recupero

Raffreddamento: ad acqua con circolazione forzata

Distribuzione: ad aste e bilancieri con albero a camme laterale nel basamento

Alimentazione: 1 carburatore Weber verticale (2 carburatori Weber 40 DC OE2 per Formula 2)

Accensione: singola con batteria e spinterogeno

Frizione: monodisco a secco

Cambio: a 4 rapporti e retromarcia (a 5 rapporti e retromarcia per Formula 2)

Telaio: tubolare a traliccio

Sospensione anteriore: a ruote indipendenti con bracci triangolari trasversali, molle elicoidali e ammortizzatori telescopici idraulici coassiali, barra trasversale stabilizzatrice

Sospensione posteriore: a ruote indipendenti con bracci triangolari trasversali, bracci longitudinali di spinta e reazione, molle elicoidali e ammortizzatori telescopici idraulici coassiali

Freni: a disco sulle ruote anteriori, a lato del differenziale al retrotreno

Passo: 2.300 mm

Carreggiate: anteriore 1.340 mm; posteriore 1.300 mm

Pneumatici: anteriori 4,50-13; posteriori 5,50-13

Carrozzeria: monoposto in alluminio

Peso a secco: 400 kg

Periodo di produzione: 1964-1965